Pages Navigation Menu

Il miglior giradischi del 2017

 

Come scegliere i migliori giradischi del 2017?

 

Se sei giunto fin qui è perché probabilmente sei un appassionato di musica e al suono freddo del CD preferisci quello caldo del vinile, con tanto di fruscio tra una traccia e l’altra. Abbiamo realizzato la guida che stai leggendo proprio per te che vuoi comprare il miglior giradischi del 2017.

Chi lo avrebbe mai detto che il vinile sarebbe tornato. Il CD prima e gli MP3 poi, sembravano averne decretato la sua fine. Era molto più di una sensazione, tanto è vero che per alcuni anni le case discografiche non hanno più prodotto questo formato, salvo rare eccezioni.

Eppure nel sottosuolo c’era un manipolo di appassionati che continuava a preferire il vecchio disco ai suoni gelidi dei nuovi supporti audio. Ora le cose sembrano essere cambiate, se ne sono accorte anche le label che per rispondere a una domanda sempre più insistente di vinile, non solo stanno ristampando vecchi titoli in quel formato, ma anche le nuove uscite tornano a essere immesse sul mercato sotto forma di disco, accanto ai CD e alla musica digitale.

Di riflesso, da questa crescente domanda stanno traendo benefici anche le aziende che producono impianti audio, tanto è vero che stanno immettendo sul mercato una serie di giradischi in vendita a basso costo così da invogliare anche i più giovani a questa vecchia/nuova esperienza sonora.

Prima di addentrarci nell’analisi e nella ricerca del miglior giradischi in commercio, chiariamo alcuni punti. Una distinzione da fare è quella tra telaio rigido e telaio sospeso. È importante che le vibrazioni non incidano sulla lettura della traccia del disco. Per evitare ciò ci sono due scuole di pensiero: la prima sposa la tesi secondo la quale la soluzione migliore è rappresentata dal telaio rigido. La seconda scuola di pensiero, quella del telaio sospeso, ritiene che sia quest’ultima la soluzione migliore, ovvero, quella di un sistema a molle che sostengono il braccio e il piatto. Ti starai chiedendo quale delle due soluzioni sia la migliore. La verità è che sono buone entrambe, tutto dipende dalla qualità generale del giradischi.

 

 

Sony PS-LX300USB

 

La Sony propone un buon giradischi a un costo accessibile. Il primo aspetto che vogliamo mettere in evidenza è che il giradischi in esame rappresenta un punto di congiunzione tra il passato e il presente.

Ma spieghiamoci meglio: può interfacciarsi con il computer e convertire le tracce analogiche del vinile in file MP3 (c’è un software incluso).  

Il Sony funziona sia con gli album a 33 giri che con i 45 giri ed ha un sistema di trazione a cinghia che assorbisce molto bene le vibrazioni così da evitare la puntina salti (cosa che a lungo andare determina il rovinarsi della suddetta puntina).

Il giradischi ha un preamplificatore al suo interno che rendono non necessario possedere un impianto Hi-Fi, la musica riprodotta potrà essere ascoltata in vari modi collegandolo, per esempio, alle casse, del pc, a delle casse attive. Unica pecca ma visto il costo c’era da aspettarselo, le plastiche non ci hanno convinto al 100%.

Acquistare su Amazon.it - Prezzo: (€146.43)

 

 

 

Ion Max LP

 

La Ion si contraddistingue per l’eleganza e il carattere vintage che solitamente imprime ai suoi prodotti.

Il Max LP non sfugge a questa sorta di regola: è un giradischi elegante e dal design retrò ma con un cuore proiettato nel futuro, tanto è vero che offre la possibilità di convertire i brani dei tuoi vinili in file MP3, il tutto grazie a un programma che troverai incluso nella confezione.

Non avrai bisogno di collegarlo a un amplificatore o a delle casse perché ha integrati gli altoparlanti: potrai poggiare sul piatto il tuo 33, 45 o 78 giri preferito, e ascoltarlo immediatamente. Se lo preferisci, c’è anche l’uscita per le cuffie.

La trazione del motore è a cinghia. La puntina ha la funzione autostop, dunque al termine del disco si fermerà e tornerà in posizione di riposo. L’ingresso AUX consente qualsiasi tipo di collegamento.

Acquistare su Amazon.it - Prezzo: (€99.99)

 

 

 

1byone Belt-Drive

 

Il Belt-Drive è un giradischi a tre velocità con altoparlanti integrati. Sono chiari i suoi richiami agli anni 50.

La scocca in legno dona un senso di calore, come il sound dei vecchi vinili. Vecchi vinili che possono essere trasformati in file digitali in modo semplice e intuitivo.

Sulla parte frontale, oltre agli altoparlanti integrati (sono da 1,5 W), c’è il pannello di controllo, con un grande potenziometro per il volume, l’ingresso USB e i vari comandi come lo spegnimento e l’avanzamento rapido.

Sul retro c’è l’uscita AUX per collegare il giradischi all’impianto Hi-Fi. Dal punto di vista strutturale appare solido e il rapporto tra prezzo e qualità è per noi molto favorevole.

Clicca qui per vedere il prezzo di questo modello

 

 

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5.00 out of 5)
Loading...
Cookies: Su questo sito possono essere presenti cookies tecnici di terze parti che permettono di fare analisi di tipo statistico su visite e comportamento dell'utenza, in particolare si tratta di cookies gestiti da Amazon e Google con il servizio Google Analytics.